Domande Frequenti - Dalidè

Vai ai contenuti

Menu principale:

Domande Frequenti

IN QUALI MOMENTI SI PUÒ UTILIZZARE LA VOCE SOLISTA IN CHIESA?

Durante la cerimonia in chiesa i momenti in cui è possibile far cantare il solista sono: l’offertorio, la comunione e alla fine della liturgia (per le firme). Si può, inoltre, utilizzare la voce solista anche per cantare l’Alleluja e il Santo. Negli altri momenti, quando la musica fa da sottofondo alle parole della liturgia si esegue solo musica con strumenti.

È POSSIBILE COMBINARE TRA LORO DIVERSI STRUMENTI ?

La nostra formazione è composta da tastiera, voce femminile e sax. A richiesta è possibile ampliare la formazione con violino e tromba insieme oppure singolarmente.

CHE GENERE DI MUSICA ESEGUITE IN SALA?

Il nostro repertorio spazia dal classico, agli standard and jazz, al pop, passando per le canzoni famose, le colonne sonore dei più bei films. Eseguiamo, inoltre, musica da ballo (liscio, balli di gruppo, latino-americano).

CURATE ANCHE L’ASPETTO ESTETICO DURANTE I VOSTRI INTERVENTI?

È uno dei punti di forza del gruppo Da.Li.Dè.
I musicisti indossano sempre abiti eleganti: gli uomini giacca e cravatta; la donna rigorosamente elegante abito.

COS’È LA S.I.A.E. E A QUANTO AMMONTANO LE SPESE?

La S.I.A.E. è la Società Italiana per gli Autori ed Editori e per meglio chiarire gli adempimenti da svolgere riportiamo quanto indicato sul sito web della S.I.A.E.“Se organizzate pubblici spettacoli o intrattenimenti di qualsiasi tipo che prevedono l’utilizzazione di opere dell’ingegno protette o se distribuite riproduzioni o prodotti contenenti riproduzioni di opere, dovete sapere che: chiunque utilizzi pubblicamente, nell’ambito di qualsiasi forma di spettacolo o intrattenimento, riproduca e metta in commercio, sia gratuitamente che a pagamento, esemplari di opere protette dalla legge sul diritto d’autore, deve ottenere la preventiva autorizzazione da parte dei titolari dei diritti Per le opere affidate alla amministrazione della SIAE i permessi, le autorizzazioni e le licenze vengono rilasciati dalla Società per conto e nell’interesse dei titolari dei diritti. Le opere dell’ingegno sono protette dalla legge fino al termine di 70 anni dopo la morte dell’ultimo dei coautori. I compensi richiesti per diritto d’autore non hanno natura di tassa o di imposta ma costituiscono la retribuzione del lavoro intellettuale svolto dai creatori delle opere.” Se si desidera eseguire brani di autori non di “pubblico dominio”, bisogna tener presente che è necessario richiedere il permesso S.I.A.E. I compensi dovuti per l’utilizzazione dei brani musicali sono differenziati a seconda che il trattenimento avvenga con o senza festa da ballo. Gli importi sono calcolati in misura forfetaria in base al numero degli invitati e della categoria del locale dove avviene il ricevimento.

CHI DEVE PAGARE LE SPESE DI S.I.A.E.?

Le spese per il diritto d’autore sono a carico dell’organizzatore dell’evento.

DOVE CI SI DEVE RIVOLGERE PER RICHIEDERE IL PERMESSO S.I.A.E.?

Ci si deve rivolgere all’ufficio competente per il territorio. Per territorio s’intende quello dove si svolgerà l’evento. Vi forniamo il link da cui si può risalire all’ufficio: http://www.siae.it/Siae_InItalia.asp?link_page=Siae_InItalia_click.asp

 
Torna ai contenuti | Torna al menu